Caricamento...
  • Sale!
    #stiamoacasa con voi. I love Sicilia esce per stare vicino ai siciliani in questi giorni non facili. Il mensile sarà in edicola (grazie agli edicolanti che continuano a lavorare!).
  • Una trasferta iniziata come una rilassante vacanza, ad assaggiare buon cibo e sorseggiare whisky ad un piano bar in un lussuoso hotel. Ma Giorgio Nicosia, avvocato di Palermo, ancora non sa che il suo cliente, eccentrico e spregiudicato, lo coinvolgerà in un'intricata rete di casi dal sapore losco che unisce la Sicilia a Beirut, a Lampedusa, a Milano passando per la Svizzera e gli Stati Uniti. Districandosi tra cadaveri, donne fatali e intrighi internazionali, l'avvocato tornerà finalmente nell'Isola in cui, come ama ripetere Nicosia, si trova tutto e il contrario di tutto. Come un castello di sabbia è un insolito giallo che miscela insieme gli scenari internazionali tipici della spy story, il meccanismo del mistery e le atmosfere del legal thriller. Con una narrazione che sceglie sempre il registro dell'ironia, Vincenzo Lo Re avvocato penalista, difensore di parte civile di Davide Grassi nel processo per l'omicidio del padre, Libero, racconta una storia che ricorda tante pagine oscure della cronaca recente, intrecciando affari loschi, luoghi della memoria e caratteri che rispecchiano tic e debolezze del nostro tempo.  
  • Giancarlo Licata, giornalista professionista, lavora alla Rai. Ha ricevuto il Premio internazionale Ischia – Giornalista dell'anno per l'informazione sul Mediterraneo (2008). Ha lavorato per nove anni al Sole 24 ore e ha collaborato con numerose riviste. È stato responsabile della Redazione Siciliana della Rai (1994-2001) ed attualmente è responsabile della Redazione Rai Med – Mediterraneo. È stato anche Direttore responsabile di Dimensione Sicilia (dal 1981 al 1986). Fra gli altri riconoscimenti: il Prix Faro d'oro du meilleur magazine per “Mediterraneo del Centre Méditerranéen de la Communication Audiovisuelle di Marsiglia (2008), il Premio internazionale Euromediterraneo “Vignola” dei Rotary Sicilia-Malta (2008), l'Alfredo Cattabiani (2004), il Premio internazionale Best Practice pubblico-privato (2004), il premio internazionale “Mondello” (2004), il Premio dell'Accademia del Mediterraneo per l'informazione (2003). Finalista alla 50a edizione del Premio Riccione per il Teatro, il più autorevole riconoscimento per la scrittura teatrale, con l'opera prima Il bambino del sentiero (2009). Per richiedere la copia cartacea di questo volume chiama lo 091 7308921 o scrivi a info@casaeditricenovantacento.it
  • Angelo Vecchio, con il piglio secco di chi cronista lo è stato per tutta la vita, attraverso gli occhi e la penna del suo protagonista, Michele Caruana, ci fa rivivere storie d’amore, di morte, di sangue, ma anche episodi divertenti, astuzie e simpatici incidenti “del mestiere”, in un susseguirsi di vicende, nelle quali la cronaca si intreccia talvolta al giallo, al mistero e al thriller.
  • Cose Loro

    1,99
    E' possibile ridere, o almeno sorridere, di un tema come la mafia? Sì, secondo Pietro Grasso, che firma la prefazione del libro "Cose Loro - Storie di boss che le sparano grosse" di Enzo Mignosi. Il volume nasce dall'omonima rubrica curata dal giornalista Enzo Mignosi sul mensile I Love Sicilia e raccoglie una rassegna di gustosi aneddoti che hanno per protagonisti "uomini d'onore” come Michele Greco, Masino Buscetta, Tano Badalamenti. Enzo Mignosi (Palermo, 1951), giornalista professionista, è corrispondente del Corriere della Sera dalla Sicilia e redattore del Giornale di Sicilia. Da sempre osservatore del fenomeno mafioso, ha raccontato i processi con imputati eccellenti (Andreotti, Mannino, Dell’Utri, Contrada), le stagioni dei veleni e dei misteri al palazzo di giustizia di Palermo, le stragi del 1992, gli arresti dei capi di Cosa Nostra, l’ondata di dissociazioni che ha dato il colpo di grazia alla famiglia corleonese. È autore del libro Il Signore sia coi boss (1993).
  • Quest’anno, Palermo è Felicissima come non mai. Per la Santuzza, che come sempre animerà i Quattro Canti di città il 14 luglio, e perché ospita Manifesta, la biennale internazionale nomade di arte contemporanea. Scelta per la sua rilevanza su due temi cari all’Europa contemporanea,quali la migrazione – il capoluogo siciliano è da sempre crocevia di flussi transnazionali e culla del Mediterraneo - e le condizioni climatiche, la Capitale italiana della cultura 2018 è un palcoscenico a cielo aperto sotto gli occhi del mondo. Riflettori puntati sul mosaico di appuntamenti, mostre, rassegne ed eventi collaterali che animanoe animeranno le vie cittadine nei prossimi mesi.
  • Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo nam egestas. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.
    • Lorem ipsum dolor sit amet
    • Pellentesque nec tor ultrices
    • Aliquam ac ligula aliquet
    • In elementum lacus non leo
  • Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo nam egestas. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.
    • Lorem ipsum dolor sit amet
    • Pellentesque nec tor ultrices
    • Aliquam ac ligula aliquet
    • In elementum lacus non leo
  • Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo nam egestas. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.
    • Lorem ipsum dolor sit amet
    • Pellentesque nec tor ultrices
    • Aliquam ac ligula aliquet
    • In elementum lacus non leo
  • Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo nam egestas. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.
    • Lorem ipsum dolor sit amet
    • Pellentesque nec tor ultrices
    • Aliquam ac ligula aliquet
    • In elementum lacus non leo
  • Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo nam egestas. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.
    • Lorem ipsum dolor sit amet
    • Pellentesque nec tor ultrices
    • Aliquam ac ligula aliquet
    • In elementum lacus non leo
  • EDIZIONE STRAORDINARIA Lo speciale: l'Amara verità E a Palermo, il pentito fa 200 nomi Un nuovo numero del mensile fondato da Francesco Foresta e oggi diretto da Antonio Condorelli è in distribuzione e sarà in tutte le edicole siciliane dal 10 marzo. Il giornale è disponibile anche online. EDIZIONE STRAORDINARIA – L'AMARA verità. Soldi, potere e giustizia. I segreti, le intercettazioni e le foto esclusive. I rapporti tra magistratura e colletti bianchi raccontati attraverso le carte delle due inchieste di Roma e Messina che hanno scoperchiato il sistema Siracusa. Lo speciale a cura di Saul Caia e Andrea Ossino.
    • - “Peter pan”. Le accuse nei confronti dell'avvocato Piero Amara, ritenuto dagli investigatori “la mente del sistema”.
    • - “Escobar”. Intercettazioni, relazioni ad altissimo livello e un rapporto stretto con alcuni magistrati. Il profilo di Giuseppe Calafiore, braccio destro di Piero Amara, finito nel mirino di due procure.
    • - Le toghe amiche. Cimici in Procura. Tutto su Giancarlo Longo.
    • - La galassia della giustizia amministrativa.
    • - Il faccendiere. Alessandro Ferraro, l'uomo di Piero Amara.
    • - Il depistaggio Eni.
    • - Il giornalista del sistema. Giuseppe Guastella, direttore del Diario.
    • - Grande fratello in Procura. Tutte le foto.
  • Un nuovo numero del mensile fondato da Francesco Foresta e oggi diretto da Antonio Condorelli è in distribuzione e sarà in tutte le edicole siciliane dal 18 aprile. Il giornale è disponibile anche online. LA COPERTINA DI PALERMO – I KILLER SONO ANCORA IN GIRO. La verità mai scritta sugli omicidi di mafia di Palermo. Romano, Calascibetta, Di Giacomo, Nangano e Dainotti. Tutti i segreti nell’inchiesta esclusiva di Riccardo Lo Verso “VI DICO CHI HA UCCISO L’AVVOCATO”. Ancora colpi di scena nel processo per l’omicidio del penalista palermitano Enzo Fragalà. Ecco i verbali del boss Salvatore Bonomolo. A cura di Riccardo Lo Verso “PRONTO POLIZIA…”GUERRA AL BORGO VECCHIO. La vera storia mai letta della sparatoria a Palermo fra i Tantillo e i Russo. A cura di Riccardo Lo Verso “MICROSPIE A CATANIA”. Telecamere piazzate in ogni angolo della città e della provinca. Summit, riunioni e incontri segreti dei boss della famiglia Santapaola-Ercolano. A cura di Laura Distefano. TRAPANI – I verbali del re del mare. Ettore Morace, ex manager della Tirrenia e amministratore della Liberty Lines ha vuotato il sacco. Ecco la sua verità. A cura di Rino Giacalone. POLITICA- L’analisi. Nemo Vicit. Da Palermo a Roma un’unica verità, i numeri per governare non ci sono. Di Elena Giordano L’intervista del senatore pentastellato Mario Giarrusso: “Musumeci? Ostaggio degli impresentabili”. A cura di Elena Giordano.  
  • Il mensile “S” fondato da Francesco Foresta e oggi diretto da Antonio Condorelli lancia un'edizione straordinaria con grandi inchieste che saranno disponibili online e in tutte le edicole siciliane dal 25 maggio. Insieme al mensile sarà possibile acquistare il film sulla guerra di mafia “Ero Malerba”, in Dvd, capolavoro di Toni Trupia, oppure il libro La tela dei boss, grande inchiesta di Riccardo Lo Verso. SISTEMA MONTANTE – Il mensile “S”, nelle edicole di Caltanissetta, Messina, Siracusa e Ragusa avrà la copertina dedicata al sistema Montante. In esclusiva saranno pubblicate le originali “agende segrete” del leader di Confindustria finito ai domiciliari per associazione per delinquere. Lo speciale su Montante contiene: l'inchiesta sulle “due vite” dell'industriale nisseno, curata da Roberta Fuschi; la “ragnatela” con tutti i nomi e le accuse, a cura di Antonio Condorelli; il “memoriale” di Cicero e Venturi, a cura di Elena Giordano; le intercettazioni segrete, a cura di Riccardo Lo Verso; ombre sui finanzieri, di Saul Caia; l'agenda segreta, di Laura Distefano, tutti gli appunti trovati nel bunker di Montante; la replica, a cura di Riccardo Lo Verso LA MAPPA DELLA MAFIA 500 nomi– A Palermo, Catania, Trapani e Agrigento, “S” dedica la copertina allo speciale sulla mappa della mafia, con 500 nomi e cognomi. PALERMO - “I nuovi capi” è curato da Riccardo Lo Verso, che fa nomi e cognomi dei soggetti nel mirino della magistratura e ancora a piede libero. TRAPANI – Questioni di famiglia, ecco la mappa di Cosa nostra trapanese, i nomi e cognomi di chi comanda nella terra di Messina Denaro, dalla Sicilia al Venezuela, la rotta degli affari, di Rino Giacalone. AGRIGENTO – Peppe Castaldo svela nomi e cognomi dei boss, città per città, mandamento per mandamento. CATANIA – Laura Distefano ha lavorato una grande inchiesta, “I padrini”, Santapaola, Ercolano, Mazzei, Laudani e Cappello: gli uomini d'onore di Cosa nostra. Le nuove leve dei clan e i vecchi colonnelli affamati di potere. Tutti i nomi e cognomi dei boss di Catania: condannati, arrestati, scarcerati e indagati a piede libero.  
  • Appalti, mafia e uno speciale sui verbali segreti degli avvocati Piero Amara e Giuseppe Calafiore. Il mensile “S”, fondato da Francesco Foresta e oggi diretto da Antonio Condorelli, torna in edicola con un numero speciale estivo con nuove inchieste esclusive. ESCLUSIVA: I boss intercettati. Decine e decine di registrazioni hanno permesso agli inquirenti di ricostruire la fitta rete di contatti e relazioni di Giuseppe Corona, nuovo punto di riferimento della mafia di Porta Nuova. Le microspie degli investigatori del nucleo speciale di polizia valutaria hanno anche immortalato la scalata criminale a Resuttana del boss Raffaele Favaloro, che è riuscito a farsi perdonare l'onta di un padre pentito. Inchiesta di Riccardo Lo Verso. LO SPECIALE: “Pentiti”. Petrolio, giudici, soldi, favori e affari. In esclusiva tutti i verbali di Piero Amara e Giuseppe Calafiore che stanno sconvolgendo Catania, Messina, Siracusa e i piani altissimi del potere
  • Tutta un'altra accoglienza 

    Quella dei siciliani, diciamocelo, è tutta diversa. E non perché sia migliore, per carità, la gente del sud è generalmente nota per essere aperta, espansiva e calorosa e per quanto siamo presuntuosi, non arriviamo a esserlo così tanto.

    Ma la nostra è diversa perché è storicamente insito in noi il concetto di ospitalità. Declinato in tutte le sue sfumature, che sono ben più di 100. L’accoglienza dei grandi alberghi di lusso che vi presentiamo in questo numero, che coccolano il cliente e assecondano le sue richieste mettendogli a disposizione tutti i comfort possibili – dalla Spa più raffinata al materasso più comodo, dai transfer in elicottero alle cene gourmet stellate.

  • Un nuovo numero del mensile “S” fondato da Francesco Foresta e diretto da Antonio Condorelli sarà disponibile in tutte le edicole siciliane dal 14 luglio. Il mensile è acquistabile anche online attraverso la pagine facebook S_mensile. Al suo interno ci sono inchieste esclusive su mafia e colletti bianchi. Quattro le copertine del numero 110: Catania, Palermo, Trapani e Messina.

    PALERMO – I SUCCESSORI DI RIINA. Uno speciale di 20 pagine curato da Riccardo Lo Verso contiene i nuovi verbali integrali del pentito Macaluso. Uno speciale con nomi e cognomi. La commissione provinciale di Cosa nostra torna a riunirsi.

    CATANIA – Sangue e mafia. Morire sotto i colpi di Cosa nostra a Catania. Trent'anni di omicidi alle falde dell'Etna. Sullo sfondo la guerra tra i clan, le faide interne e i baby killer che imitano i sicari degli anni '90. Inchiesta di Laura Distefano.

    TRAPANI – Il re dell'accoglienza. Ecco i segreti dell'arresto di Norino Fratello, ex deputato dell'Udc. Tutto sugli affari dei centri di accoglienza. A cura di Rino Giacalone.

    MESSINA “Adesso mi SCateno”. Lunga intervista, curata da Elena Giordano, al nuovo sindaco di Messina: “Smonto il palazzo e lo rimonto a modo mio”.

    APPALTI – Miracolo siciliano: un geologo esperto di sanità. Esclusiva: un sorteggio dell'Urega scova il geologo Domenico Pontillo che diventa esperto tecnico di una maxi gara sanitaria di ingegneria clinica: 202milioni di euro. A cura di Antonio Condorelli.

    MAGISTRATURA – La poltrona che scotta. In meno di sette anni c'è stato un altro cambio al vertice della Procura di Siracusa. Il Csm ha accettato la richiesta di trasferimento di Francesco Paolo Giordano. Ecco i particolari. A cura di Saul Caia

    AGRIGENTO – Rifiuti, colossi sott'inchiesta. Enimed, Fincantieri, Raffineria di Gela, Rete ferroviaria italiana e molte altre aziende sono finite nel mirino della magistratura insieme a nomi che contano del mondo imprenditoriale. Le accuse sono gravissime. Ci sono 50 indagati. Tutti i particolari. Inchiesta di Peppe Castaldo.

    INDUSTRIE KILLER – Isola geneticamente malformata. Ecco i risultati del rapporto dell'istituto superiore di sanità sulle malformazioni congenite. A cura di Massimiliano Torneo.

    TRAPANI – La Curia degli scandali. Colpo di scena dopo l'archiviazione dell'indagine a carico di Don antonio Treppiedi. Il suo principale accusatore, l'ex vescovo di Trapani, Monsignor Francesco Micciché, è indagato. Peculato e appropriazione indebita, le accuse. A cura di Rino Giacalone.

    #UOMINIDILEGGE - “Il penalista”. Questo mese intervistiamo il noto avvocato palermitano Marcello Montalbano.

    #Goodnews – Battito d'ali. Di Francesca Cuffari.

  • Sono Ficarra e Picone i protagonisti della copertina del nuovo numero di I love Sicilia. Il duo palermitano va in tour nei teatri italiani con Le Rane di Aristofane. E racconta al mensile i tanti programmi per il futuro. Ovviamente..... nello stile di Ficarra e Picone.
  • Un uovo numero del mensile “S” fondato da Francesco Foresta e oggi diretto da Antonio Condorelli è disponibile in tutte le edicole e online. Al suo interno inchieste esclusive. Ecco un'anticipazione del contenuto. EDIZIONE STRAORDINARIA. Romanzo Editoriale. Tutto su Mario Ciancio. Ecco le intercettazioni contenute nel decreto di confisca da 150milioni di euro, la mappa del tesoro, i documenti sulla linea editoriale de La Sicilia. Di Laura Distefano, Antonio Condorelli, Saul Caia, Fernando Massimo Adonia. MAFIA 300 NOMI. Parlano i pentiti. BRANCACCIO TREMA. Giovanni Lucchese, pentito dell'ultima ora, conosce il nome di comanda nel mandamento mafioso. Di Riccardo Lo Verso OMICIDIO E PIZZO. Domenico Mammì, braccio destro di Sergio Macaluso, reggente del mandamento di Resuttana, parla di pizzo, affari, ma anche di omicidi. Tira in ballo persone finora mai indagate per due delitti. Di Riccardo Lo Verso. I VERBALI DEL RAGIONIERE. Terremoto a Favara. Mario Rizzo ha deciso di vuotare il sacco: “Vi racconto tutto su droga, armi e delitti”. E intanto i parenti lo hanno rinnegato, pubblicamente. Di Peppe Castaldo INCHIESTA Le confessioni del Pm. Tutti i verbali del magistrato Giancarlo Longo coinvolto nello scandalo del sistema Siracusa. Ecco i nomi di magistrati, avvocati e imprenditori. Di Saul Caia TRAPANI- Pizzolungo: i misteri di una strage. L'inchiesta della Procura di Caltanissetta porta dritti al vicolo Pipitone di Palermo. C'è un nuovo indagato: Vincenzo Galatolo. Di Rino Giacalone POLITICA – Codice Salvini. Alleanze siciliane, immigrazione, caso Diciotti. Tutte le domande al ministro dell'Interno Matteo Salvini. Di Elena Giordano MAFIA E COLLETTI BIANCHI. Toghe infedeli. Due avvocati condannati per concorso esterno con la mafia, processati insieme ai boss della famiglia Laudani. I particolari della sentenza. Di Laura Distefano. CATANIA – I boss della droga. I nomi di chi gestisce le piazze di spaccio in città. Una mappa stilata quartiere per quartiere. Di Laura Distefano #Goodnews Occhio all'eccellenza. Di Francesca Cuffari. #UOMINIDILEGGE – Christian Petrina, avvocato. Di Laura Distefano. #SISTEMAMONTANTE – Parla il difensore di Di Vincenzo. Di Laura Distefano
  • che il giovane rampante inventore di Airbnb fosse intelligente e creativo era scontato, ma che fosse anche fermamente convinto di conciliare innovazione e tradizione è una bella sorpresa.

Torna in cima